AVNN: la cura nel Nord rischia di diventare sovraffollata

L’assistenza nei Paesi Bassi settentrionali rischia di diventare sovraffollata. Il numero di infezioni e ricoveri di pazienti coronavirus continua ad aumentare. Questo è riportato dalla rete di assistenza acuta a nord dei Paesi Bassi.

Nelle tre province settentrionali ci sono attualmente 37 pazienti Covid in terapia intensiva e 120 in ospedale. Se il numero di infezioni e ricoveri continua ad aumentare nelle prossime due settimane, l’assistenza nei Paesi Bassi settentrionali rischia di diventare sovraffollata. Sebbene ci siano meno pazienti rispetto alle precedenti ondate di coronavirus, la carenza di personale è più alta. Negli ospedali, nei servizi di ambulanza, nelle case di cura e nei medici di medicina generale, gli abbandoni del personale sono senza precedenti.

L’aumento del numero di persone con corona negli ospedali è a scapito di cure regolari e non di emergenza. Così tanti interventi sono in ritardo. L’AZNN continua a insistere sul fatto che le persone mantengono la possibilità di infezione il più bassa possibile. Ciò significa: ottenere una vaccinazione, mantenere una distanza di 1,5 metri, utilizzare una maschera dove necessario, lavarsi le mani, ventilare le stanze, stare a casa in caso di reclami e in tal caso fare il test al GGD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*
*